L’abuso di droghe rimane un grave problema di salute pubblica in tutto il mondo.

Le persone continuano a utilizzare e ricombinare tra loro “vecchie droghe” come alcol, marijuana, cocaina, e oppioidi in mix sempre attuali magari con aggiunta di farmaci (viagra, ansiolitici).

A fare sempre più notizia sono, però, sostanze nuove che hanno attirato potenziali clienti con la promessa di effetti nuovi e più sicuri ed un facile accesso via Internet. Ma è proprio così? La lista che segue, senz’altro incompleta e destinata ad accrescersi penso possa essere utile a professionisti della salute così come a persone interessate all’argomento in generale; di sicuro almeno i medici devono essere consapevoli delle tendenze emergenti nel campo delle sostanze d’abuso, soprattutto per tentare di riconoscere e gestire gli effetti delle nuove droghe ricreative sulla scena delle loro comunità.

deco

Sali da bagno – MDPV, mefedrone

Cosa sono? “Sali da bagno” possono sembrare polvere bianca o cristalli da aggiungere all’acqua del bagno, ma il termine in realtà si riferisce ad anfetamine e catinoni (derivati sintetici dello stimolante trovato nella pianta di khat), che vengono venduti in confezioni anonime per evitare il riconoscimento. MDPV e mefedrone spesso sono i composti attivi, con effetti piuttosto simili a quelli dell’ecstasy (MDMA). Termini slang di strada e nomi di prodotti comprendono drone, bolle, meow-meow, MCAT, Avorio Onda, Vanilla Sky, Cloud 9, Red Dove, Rush.

Chi è più a rischio? L’uso è più diffuso tra gli adolescenti ed i giovani adulti che desiderano evitare di essere coinvolti negli aspetti illegali dell’uso della droga. Gli utenti possono ancora acquistare i prodotti on-line.

Presentazione clinica Tendono a predominare effetti simpaticomimetici come ad esempio, incremento del polso e della pressione arteriosa, sudorazione, agitazione, e, con l’uso a lungo termine, sintomi psicotici.

Gestione Principalmente terapia di supporto. Le benzodiazepine sono utili per l’agitazione e psicosi. I pazienti che hanno usato anfetamine simili all’ecstasy possono presentare sintomi serotoninergici che necessitano di cure o trattamento di supporto con benzodiazepine o ciproeptadina. I pazienti con grave agitazione ed instabilità cardiocircolatoria possono richiedere un monitoraggio e terapia intensiva.

deco

Alternative alla Marjiuana e Cannabinoidi Sintetici

Cosa sono? Questi prodotti spesso venduti come “incenso” contengono materiale vegetale di erbe adulterato con cannabinoidi sintetici e vengono solitamente fumati. Cannabinoidi sintetici includono il CP-47497, e RCS-4. Spice, K2, Chill Zone, Sensation, Caos, Aztec Thunder, Rosso Merkurii, e lo Zen sono alcuni dei nomi di alcune marche.

Chi è più a rischio? Gli utenti in genere varia in età da 14 a 50 anni. Anche se 5 cannabinoidi sintetici sono illegali negli Stati Uniti, questi prodotti sono ancora ampiamente disponibili in molti negozi che vendono oggettistica per il consumo di marjiuana e via Internet, a causa di frequenti riformulazioni chimiche per aggirare il divieto di legge.

Presentazione clinica Effetti clinici comprendono l’ipertensione, tachicardia, nausea, vomito, agitazione, ansia, paranoia, attacchi epilettici, e ideazione suicidaria. Alcuni di questi prodotti sono rilevabili ai normali tests per i cannabinoidi.

Gestione Essenzialmente terapia di supporto. I sintomi sono in genere di breve durata (<24 ore), ma alcuni casi hanno richiesto il ricovero in terapia intensiva per distress respiratorio.

deco

Salvia divinorum

Che cos’è? Salvia divinorum, un’erba allucinogena appartenente alla famiglia della menta, contiene l’allucinogeno salvinorin A. Tradizionalmente, gli indiani Mazatechi di Oaxaca, in Messico, masticate o prodotta Salvia divinorum come tè per facilitare incontri spirituali; che viene ora utilizzato in tutto il mondo ricreativo. Salvinorin A è inattivo dopo l’ingestione; di conseguenza, gli utenti che cercano un elevato devono masticare o fumare le foglie.

Chi è più a rischio? Giovani adulti e adolescenti e chiunque abbia accesso a Internet che è interessato a evitare il rilevamento di droga tramite un’alternativa legale dagli effetti simili a droghe psicodislettiche tipo LSD.

Presentazione clinica: gli utilizzatori riportano potenti effetti allucinatori tipo “sogni ad occhi aperti”, la salvia divinorum non possiede attività serotoninergica ma la sua affinità per i recettori oppiodi K causa sedazione, analgesia, ipomotilità gastrointestinale, bradicinesia e depressione.

deco

Khat, catinone

Che cos’è? Khat (Catha edulis) è una pianta le cui foglie e ramoscelli vengono masticate per la loro anfetamina segnalati e effetti euforici. Comune in Yemen, Somalia ed Etiopia, abuso khat è ormai diffuso oltre le sue radici geografiche e storiche come risultato di informazioni on-line e le vendite. Catinone è il principale ingrediente attivo.

Chi è più a rischio? Chiunque abbia accesso a Internet può ottenere khat. Si valuta che nel 2006, anno in cui è stata monitorata la sostanza per la prima volta, 10 milioni di persone abbiano usato il Khat.

Presentazione clinica: effetti anfetamino-simili producono agitazione, tachicardia, ipertensione, e psicosi.
Gestione:  include terapia di supporto, benzodiazepine, e simpaticolitici.

deco

Inalazione di farmaci dispensati per altri utilizzi in medicina

Qual è il problema emergente? Frantumazione e insufflazione (“sniffare”) di un farmaco orale permette di ottenere un biodisponibilità immediata molto più alta ed immediata di quanto accadrebbe con l’assunzione canonica per os. Si possono utilizzare ansiolitici, bupropione, oppiodi ed altro.

Chi è più a rischio? Popolazioni a maggior rischio sono i giovani che amano sperimentare con la droga o tossicodipendenti abituali che hanno sviluppato tolleranza ad alcuni farmaci usati a scopo terapeutico.

Presentazione clinica: Necrosi nasofaringea (distruzione del setto nasale, palato molle o dura, e altre strutture facciali) è stata riportata in seguito ad insufflazione di analgesici oppioidi e altri farmaci.

Gestione: è la stessa dell’intossicazione per il farmaco assunto per altra via, ad es. l’intossicazione da oppiacei può essere gestita con naloxone, mentre l’intossicazione con stimolanti, come il metilfenidato, possono richiedere le benzodiazepine.

deco

Bevande energetiche (Energy Drink)

Cosa sono? bibite aromatizzate, di libera vendita, in genere bevande zuccherate che i produttori sostengono aumentare l’energia e le prestazioni. Queste bevande contengono fino a 360 mg / l di caffeina (circa l’equivalente di 3-4 tazze di caffè), insieme ad altri ingredienti che agiscono come stimolanti (ad esempio, guaranà, taurina, ginseng, e L-carnitina) i cui effetti ad alto dosaggio possono essere sinergici con la caffeina.

Chi è più a rischio? Popolazioni più a rischio sono i giovani e altri che cercano di rimanere sveglio per uso personale, scuola-o motivi di lavoro.

Presentazione clinica: la caffeina (1,3,7-trimethylxanthine) è un analogo strutturale dell’adenosina e quindi un antagonista funzionale per i recettori dell’adenosina stessat. L’interazione con il recettore causa rilascio delle catecolammine e stimolo adrenergico. I sintomi dell’intossicazione sono tachicardia, vomito, agitazione psicomotoria.

Gestione: generalmente può essere sufficente il supporto e l’osservazione, ma la gravità è dose dipendente e si arriva anche alle aritmie ed alla morte.

deco

Methoxetamina

Che cos’è? Methoxetamine (MXE) è un analogo di ketamina (“Special K”). Entrambi i farmaci condividono somiglianza strutturale con fenciclidina (PCP) ovvero la “polvere d’angelo”.

Chi è più a rischio? L’uso di Methoxetamine è molto popolare nel Regno Unito, ma ha il potenziale per un uso più ampio tramite le vendite su Internet. Poco si sa circa gli utenti o modelli specifici di abuso, ad eccezione che il farmaco può essere anche  iniettato per via endovenosa per effetti più potenti.

Presentazione clinica: L’esperienza clinica con methoxetamine è limitato a self-report e pubblicità. Gli utenti hanno riferito di aver abusato il farmaco per i suoi effetti euforizzanti e allucinogeni, ma possono verificarsi effetti oppiacei come la depressione respiratoria, vomito, diarrea, ansia e paranoia. Classicamente, come con la ketamina, si può osservare nistagmo. Un case report descrive un ragazzo di 19 anni che, dopo iniezione endovenosa di methoxetamina, ha poi presentato uno status semistuporoso mentale, agitazione, atassia, ipertensione e tachicardia.

Gestione: non c’è nessuna gestione specifica per l’intossicazione da methoxetamine. Tuttavia, dovrebbe essere usata la stessa gestione usata per la ketamina, PCP, o intossicazione da oppiacei. Strategie suggerite possono includere terapia di supporto, per via endovenosa reintegrazione dei liquidi, benzodiazepine per l’agitazione, e il supporto respiratorio.

deco

Piperazina

Che cos’è? La piperazina è stata inizialmente concepita come un antielmintico ma è stato poi scoperto che aveva potenti proprietà stimolanti. Esistono molte piperazine diverse (ad esempio, BZP, CPP, MBZP, MeBP, MeOPP e TFMPP). Sono spesso venduti come pillole o polveri contenenti una miscela di più varianti.

Chi è più a rischio? I giovani adulti, soprattutto quelli coinvolti nella “club culture”, possono essere più attratti da questa sostanza detta “pillola del partito,” o “ecstasy legale”. L’abuso di Piperazina è stato ampiamente identificato in Europa e Nuova Zelanda. I giovani maschi, di solito di età tra i 13 ed i 44 anni, usano piperazine per i loro effetti anfetamina o stimolanti simili, soprattutto quando si partecipa ad eventi in discoteche.

Presentazione clinica: effetti simpaticomimetici e serotoninergici possono predominare a causa della capacità di piperazina di bloccare i recettori della serotonina.

Gestione: benzodiazepine per agitazione e fluidi per via endovenosa dovrebbero costituire il fondamento della terapia di supporto, come avviene per altri altri simpaticomimetici. Se si verificano effetti serotoninergici eccessiv possono essere consigliati eventualmente antiserotonergici come la ciproeptadina.

deco

 

Creative Commons License
This work is licensed under a Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivatives 4.0 International License.

The following two tabs change content below.
Mi chiamo Valerio Rosso e sono un medico, psichiatra e psicoterapeuta ad orientamento psicoanalitico. Alcune persone mi conoscono anche come blogger o come musicista (…cercatemi su iTunes). La mia vita ruota attorno a molte cose: le neuroscienze, la psicoanalisi, la pedagogia ed il tema della formazione dell’Uomo, ma anche la musica ed il motociclismo nel mio tempo libero.
Share This
error: Contenuto Protetto !!